Espresso

L’accordo trovato tra Donald Trump e Xi Jinping durante il loro incontro bilaterale al G20 di Buenos Aires, che prevede la sospensione dei dazi reciproci per 90 giorni e l’intensificazione dei negoziati, sembra per ora allontanare il rischio di un’escalation dello scontro commerciale. 

    • Il risultato di Buenos Aires appare lontano dal definire una strategia di lungo periodo dell’Amministrazione, e lascia aperte a Trump molte strade per un eventuale accordo futuro.
    • L’accordo e il comunicato finale del G20 appaiono piuttosto come un compromesso tra le due anime interne all’amministrazione Trump:  le settimane precedenti al summit hanno reso evidente il profondo disaccordo tra la componente protezionista, rappresentata da Peter Navarro, e quella più liberale, esposta dal consulente economico Larry Kudlow.
    • Un dissidio, quello interno alla Casa Bianca, tipico del trumpismo al potere, scisso tra protezionismo e responsabilità realista,  e per cui ritornano utili le parole di Tocqueville: “il presidente può spesso cambiare idea senza che lo stato ne soffra o perisca”.

In breve - La Francia restituirà al continente africano i beni culturali che sono stati sottratti durante il cosiddetto periodo coloniale. Questa restituzione all'Africa di una parte della propria storia è limitata agli oggetti presenti nelle collezioni museali, ma per essere efficace dovrebbe anche comportare la valorizzazione digitale del patrimonio scritto dei paesi africani francofoni.

Parigi. Nel 2018, circa cinquant'anni dopo il riconoscimento dell'indipendenza degli Stati africani, la Francia sta finalmente considerando la restituzione del patrimonio culturale del continente africano conservato nei musei europei a seguito di saccheggi o traffici clandestini. Due esperti sulle condizioni di acquisizione dell'arte . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

Mercoledì 14 novembre a Temuicuicui, al sud del Cile, un giovane mapuche è stato ucciso a margine di un’operazione delle forze speciali che mirava a catturare degli individui che sarebbero stati implicati in un furto di auto. Il governo ha definito la morte “incidente sconcertante”, mentre la stampa internazionale la considera un omicidio. Da allora, delle manifestazioni sono organizzate nel paese a sostegno dei mpauche. La tensione tra il popolo e il governo non smette di crescere . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve - Il dissenso tra i consiglieri protezionisti e neoliberali dell’amministrazione Trump rende senza dubbio incerto il regolamento della guerra commerciale sino-americana ma, soprattutto, traduce in forma più evidente il divario che caratterizza il trumpismo al potere, scisso tra protezionismo e responsabilità liberale.

Washington. La decisione di Donald Trump di aumentare i dazi doganali su una vasta gamma di prodotti cinesi, di cui il mercato interno è tuttavia particolarmente dipendente, insieme alla reazione della Cina, che ha risposto con misure simili, comincia a pesare sulla crescita americana nelle ultime settimane (5), rendendo il rischio di un aumento dell’inflazione . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve - La General Motors intraprenderà un'importante operazione di ristrutturazione che priverà del proprio lavoro più di 15.000 dipendenti statunitensi. Questo episodio è sintomatico delle trasformazioni del mercato automobilistico e, in particolare, dello spostamento delle preferenze verso le auto elettriche e i veicoli autonomi.

Detroit. L'amministratore delegato della General Motors (Gm), Mary Barra, ha annunciato lunedì un’importante operazione di ristrutturazione (6). La prima azienda del settore automobilistico americano si orienterà verso modelli autonomi ed elettrici. Di conseguenza, la produzione di diversi modelli tradizionali verrà interrotta. È probabile che cinque strutture nordamericane chiuderanno l'anno prossimo, con una perdita . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

L’erede al trono saudita ha effettuato un atteso viaggio diplomatico in Medio Oriente. Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Egitto, Tunisia, Algeria e Mauritania sono state le tappe toccate da Mohammed bin Salman prima di ripartire nuovamente e partecipare ai lavori del G20 di Buenos Aires, il 30 novembre. Un tour importante voluto per ribadire alleanze e amicizie oggi più utili che mai per Riyadh, anche per allontanare definitivamente le ombre del caso Khashoggi . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve - Si è appena tenuta a Teheran la trentaduesima conferenza internazionale per l’unità islamica. Da rilevare, le rivendicazioni a favore della causa palestinese contro lo Stato di Israele e la mano tesa da Hassan Rohani all'Arabia Saudita.

Teheran. La rivalità tra il trio Arabia Saudita - Israele - Stati Uniti e l'Iran continua a crescere di intensità. Il presidente americano non nasconde il suo desiderio di cambiare il regime iraniano, il primo ministro israeliano tesse la sua rete strategica nella regione (5) e il principe ereditario saudita ha indicato negli ultimi mesi che la guida suprema iraniana, il marja . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve – Tra meno di una settimana in Polonia si darà il via alla Cop24, dove gli obiettivi internazionali per la lotta al riscaldamento globale verranno dibattuti e probabilmente risollevati, ma il governo bulgaro ha posto il veto a un ulteriore aumento dei suoi impegni, difendendo la propria industria del carbone da cui ancora dipende largamente.

Sofia. Pochi giorni prima l’inizio della Cop24 a Katowice, in Polonia, il presidente bulgaro Rumen Radev ha annunciato che si opporrà a qualunque tipo di aumento dell’impegno del suo paese riguardo la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.

Mentre da . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve – Con cinque discorsi importanti in una settimana, i membri del direttivo della Banca centrale europea espongono le future sfide per l’istituzione.

Francoforte. Settimana densa di eventi alla Banca centrale europea (Bce): in cinque discorsi diversi, quattro rappresentanti del direttivo della Banca (il presidente Mario Draghi e i membri del Comitato esecutivo Peter Praet, Benoît Cœuré e Yves Mersch) hanno presentato delle interessanti prospettive sulle sfide strategiche della politica monetaria europea e per comprendere le sue future azioni.

Peter Praet lunedì a Francoforte: il piano di “normalizzazione” della politica monetaria europea

Ricordando l’efficace delle misure . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve – La campagna elettorale per la carica di presidente dell'Unione Cristiano Democratica (Cdu) costringe i candidati a definirsi e distinguersi su questioni esistenziali per la Germania.

Amburgo. Il congresso della Cdu del 7-8 dicembre dovrebbe riunire 1001 delegati. Avranno il compito di definire gli orientamenti politici del partito e, come ogni due anni, scegliere un nuovo leader (5).

Annegret Kramp-Karrenbauer, del Saarland, attualmente segretaria generale della Cdu, è la favorita al voto tra dieci giorni (il 29 novembre scorso il 48 per cento dei sostenitori ha dichiarato di essere a suo favore). Il suo programma riprende principalmente . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve - L'ex primo ministro macedone Nikola Gruevski (2006-2016), a lungo leader indiscusso del partito conservatore Vmro-Dpmne e recentemente condannato dai tribunali per abuso di potere, è fuggito dalla Macedonia l'8 novembre. Ha appena ottenuto asilo politico in Ungheria, che denuncia un complotto della sinistra.

Skopje. Nikola Gruevski è scomparso l'8 novembre, giorno in cui si sarebbe dovuto presentare al carcere preventivo di Shuto Orizari, un quartiere a nord della capitale. Nonostante un mandato d'arresto emesso dalle autorità macedoni, è riuscito ad attraversare il confine con l'Albania per riparare in Ungheria attraverso il Montenegro e la . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve - Il futuro del “Digitalpakt”, un progetto federale di investimento per la trasformazione digitale delle scuole tedesche, è ultimamente ostacolato dall'opposizione di alcuni Länder, che sono contrari a un progetto che limiterebbe le loro competenze. Più che un conflitto politico, è una sfida istituzionale.

Berlino. Giovedì 29 novembre 2018 il Bundestag ha votato in larga maggioranza a favore di una modifica della Legge fondamentale che dovrebbe consentire al governo federale di attuare il “Digitalpakt”, un programma federale di investimento nella trasformazione digitale delle scuole tedesche (3). Fino ad allora, il settore dell'istruzione e della formazione era strettamente riservato . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve – Il primo ministro greco Alexis Tsipras e l’arcivescovo della chiesa di Atene hanno annunciato di aver trovato un accordo per la separazione di Chiesa e Stato, un passo avanti che mette fine alla retribuzione dei preti da parte dello stato. Questo accordo comunque rischia di fallire e accentuare delle divisioni già significative nella società greca.

Atene. Martedì 6 novembre, Tsipras e l’arcivescovo Ieronymos hanno raggiunto l’accordo per la separazione tra chiesa ortodossa e stato greco. Tra le misure annunciate si trovano la fine della retribuzione dei membri del clero da parte dello stato e il . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

La conférence de Palerme sur la Libye a montré l’intérêt croissant de la communauté internationale à l’égard de la reconstruction du pays, au-delà de la pure dimension sécuritaire et de pacification. Si un processus de reconstruction clair n’a pas encore été défini, son impact géopolitique et stratégique est évident. Coup d’œil sur la politique de reconstruction en Libye . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve - L'Egitto non nasconde più l'ambizione di diventare un vero e proprio polo energetico regionale, ambizione resa possibile dalla scoperta, nel 2015, dell’immenso giacimento di gas Zohr.

Il Cairo. Alcuni giorni fa, il vice segretario di Stato americano per le risorse energetiche, Francis Fannon, si è recato in Egitto, dove ha incontrato il ministro egiziano del petrolio e delle risorse minerarie, Tāreq al-Mollā. Al termine dell'incontro, quest’ultimo ha dichiarato che le imprese americane sono strettamente coinvolte nello sviluppo delle risorse egiziane di petrolio e gas. Qualche settimana prima, la società egiziana Middle East . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

La situazione libica contemporanea è attribuibile ad una serie di fattori. Uno dei principali è la divisione del territorio libico in regioni e distretti. Per comprendere questa dinamica è necessario non sottovalutare gli eventi che hanno caratterizzato la diplomazia internazionale a cavallo tra la fine della Seconda Guerra Mondiale ed il 1951, anno dell’indipendenza . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve - Dopo il risultato del 25 novembre e in attesa del voto alla Camera dei Comuni, l’idea di un secondo referendum si sta riaffacciando sulla scena britannica. Secondo il Times, il paese sta tornando alla domanda iniziale, ossia “Leave” versus “Remain”.

Londra. Mercoledì 28 novembre, il cancelliere dello Scacchiere ombra, John McDonnell, ha dichiarato che se il partito laburista non riuscirà a far passare l’idea di una nuova elezione, sosterrà apertamente la possibilità di un secondo referendum. Una posizione chiara, che si allontana dalla posizione spesso ambigua del leader del partito laburista, Jeremy Corbyn. La linea ufficiale . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

In breve - Giovedì 29 novembre, 11 dei 18 deputati svedesi presenti al Parlamento europeo hanno respinto i nuovi diritti minimi per i lavoratori in Europa, ritenendo che il progetto di legge europea minacci il modello svedese.

Stoccolma. Giovedì, a Strasburgo, 11 dei 18 (su 20 seggi) parlamentari svedesi presenti hanno votato contro il progetto di direttiva europea sull’occupazione. Tra questi, membri dei Moderati, dei Democratici di Svezia,  dei Democratici cristiani, dei Democratici, dei Liberali e alcuni membri del Partito di Centro. Sette membri dei socialdemocratici si sono invece astenuti. Il progetto prevede la creazione di un’Agenzia europea per . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.

Secondo lo storico norvegese Lars Rowe Mosca è troppo avvantaggiata dallo status quo attuale per desiderare un cambiamento. Inoltre, l’attivismo militare nell’Artico farebbe parte della sua naturale vocazione storica . . .

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Accedi se sei abbonato, o acquistalo per accedere a tutti gli articoli del sito e ricevere la newsletter.